Ambulatorio di diagnosi prenatale

Da circa 10 anni la nostra UO di Ostetricia offre un servizio di diagnosi prenatale invasiva e non invasiva a cui possono accedere le gravide a rischio per età (>= 35 anni) e le gravide a rischio attuale o anamnestico (test di screening del I-II trimestre positivo per trisomia 21, sospetto di malformazione o precedente figlio affetto da anomalia cromosomica).

Metodiche di diagnosi prenatale invasiva per la ricerca del cariotipo fetale.
Le procedure invasive servono a rilevare il numero e la struttura dei cromosomi del feto, attualmente non diversamente ottenibili, al fine di escludere alterazioni.

La villocentesi consiste nella biopsia di tessuto placentare (villi coriali). Il prelievo si esegue in un ambulatorio dedicato, tra la 11a e 13a settimana di gravidanza, mediante un sottile ago che penetra nell'utero attraverso la parete addominale, e che aspira minima quantità di villi coriali grazie ad un sistema di decompressione. L'esame viene eseguito sotto continuo controllo ecografico.

L’amniocentesi consiste nell'aspirazione di 15-16 ml. di liquido amniotico attraverso un ago sottile che arriva nel sacco amniotico attraverso la parete addominale, sotto controllo ecografico continuo). Il prelievo si esegue in un ambulatorio dedicato, tra la 16a e 18a settimana di gravidanza.

Preliminare alla metodica invasiva è un colloquio individuale con la coppia dove vengono spiegati significato, modalità esecuzione, rischi, tipo di risultati e in cui viene studiata la situazione familiare e si prende l'appuntamento per lo svolgimento dell'esame in regime ambulatoriale.

Metodiche di diagnosi prenatale non invasiva vengono eseguite mediante ecografie e prevedono:

  • Test combinato nel I trimestre (NT + prelievo ematico per PPAP-A e ßHCG) solo per le pazienti afferenti dai nostri consultori di Alzano e Gazzaniga.
  • Ricerca dei “soft markers” del II trimestre per la donna gravida già a rischio aumentato per la sola età (>= 35 anni): con questa ecografia vengono ricercati indici ecografici minori (“soft markers” ), non strutturali, il cui riscontro aumenta ulteriormente il rischio fetale di Trisomia 21 e suggerisce quindi un’approfondimento diagnostico con la metodica invasiva. La sensibilità di questa valutazione ecografia nella popolazione a rischio per età è stimata intorno al 65%.
  • Ecografie morfologiche2D-3/4D per lo studio di sospette malformazioni evidenziate negli ambulatori di I livello.

Il Centro di Diagnosi Prenatale si avvale della consulenza di specialisti che operano in équipe: la genetista, la cardiologa pediatra, l’urologo pediatra, l’ortopedico. E’ inoltre disponibile un servizio di consulenza psicologica.

Il servizio di Diagnosi Prenatale dell’Ospedale di Alzano è attivo il mercoledì dalle ore 8.30 alle ore 13.30. L’agenda degli appuntamenti non prevede liste d’attesa.
Per richiedere un appuntamento i numeri di telefono contattare numero 035/3064269 tutti i lunedì e giovedì dalle ore 9.00 alle ore 12.00, oppure inviare una FAX al n. 035/3064438 o una mail a [email protected]
[APPROF.] NT e Nuovi Markers

Tipo: PDF

Peso: 5,97 Mb

[APPROF.] DP dopo lo screening

Tipo: PDF

Peso: 1,94 Mb

[INFORMATIVA] Amniocentesi

Tipo: PDF

Peso: 0,04 Mb

[INFORMATIVA] Villocentesi

Tipo: PDF

Peso: 0,03 Mb

[APPROF.] Neck 2004

Tipo: PDF

Peso: 1,43 Mb

[APPROF.] DPI Montecchio

Tipo: PDF

Peso: 1,28 Mb