Chirurgia laparotomica

La chirurgia laparotomica rappresenta l’approccio più “tradizionale” alle patologie dell’apparato genitale interno che non possono essere trattate con la laparoscopia o con la chirurgia vaginale. Tra queste ricordiamo i fibromi uterini molto voluminosi e alcune patologie tumorali.
A seconda del tipo di patologie il chirurgo sceglierà il tipo di incisione longitudinale o trasversale sovra pubica dell’addome.

Le pazienti candidate alla chirurgia laparotomica vengono invitate a presentarsi qualche giorno prima dell’intervento per eseguire gli accertamenti preoperatori (prericovero) e per ricevere le indicazioni per la preparazione all’intervento.

La chirurgia laparotomica richiede un ricovero più prolungato rispetto alle tecniche endoscopiche, generalmente di quattro-sei giorni.
Dopo la dimissione è necessario un periodo di convalescenza, di solito di due settimane.

Per prenotare l’intervento è sufficiente inviare la richiesta di ricovero (allegata) compilata dallo specialista di fiducia, via mail [email protected] o FAX 035/3064438.
Le pazienti con incontinenza urinaria devono preventivamente effettuare una valutazione uroginecolgica.
[INFORMATIVA] Proposta di ricovero

Tipo: PDF

Peso: 0,09 Mb

[INFORMATIVA] Miomectomia

Tipo: PDF

Peso: 0,02 Mb

[INFORMATIVA] Isterectomia

Tipo: PDF

Peso: 0,03 Mb